Quest’anno la Nana1 ha tre anni e rotti e come è naturale, inizia a vivere la magia del Natale che io, eterna bambina, le sto trasmettendo. Quindi il calendario dell’avvento quest’anno ha davvero un significato, non è solo un piccolo raccoglitore di caramelle e cioccolatini quale è stato l’anno scorso. Allora si presenta la domanda fatidica, che d’ora in poi negli anni a venire attanaglierà le mie notti alla fine di novembre (ma forse anche prima) per lambiccarsi il cervello su cosa mettere nelle caselline del mese di dicembre. Non voglio fasciarmi la testa pensando troppo in là, per quest’anno il mio sporco lavoro l’ho fatto e credo di avere partorito una simpatica raccolta di pensierini …che condivido con voi per ispirarvi magari qualche idea nuova.

Per la maggior parte dei giorni ci sono pensierini piccoli, tipo mollette per i capelli, elastici e fermagli vari, non possono poi mancare i cioccolatini, ma un po’ carini tipo a forma di babbo natale, di pupazzo di neve o di alberello, mentre per alcuni giorni ho pensato a qualche regalino un po’ speciale, perchè è una brava bimba (non solo quando dorme 😉  ), e quindi ha già trovato le scarpe di Frozen, che quest’anno va per la maggiore, troverà qualche barattolo di Didò glitterato (anche lui si adegua al clima festaiolo), e per il 24 ho già programmato un altro dei pezzi forti, vale a dire una trousse di trucchi mignon, da bimba ovviamente, perchè la mia Nana è fashionista e civettuola come sua madre (o almeno come ero io prima di avere due figlie e sembrare sempre una scappata di casa).

Intercaleranno i pensierini importanti alcune cosucce trovate in uno di quei negozi che proclamano “tutto a 1 euro!” (ma di cose effettivamente a 1 euro non ce ne sono tantissime), tipo dei piccoli adesivi, un alberello di natale che si illumina, una matita col cappuccio a pupazzo di neve.

Infine, per fare la mamma eco-bio-politicallycorrect-masticazz, ho anche inserito un sacchettino con delle lenticchie da piantare nel cotone imbibito e far germogliare (lo facevamo anche noi alle elementari, vi ricordate?!), e una bustina di semenza di pomodoro da seminare in un vaso efar crescere con amore sul balcone.

Cercando ispirazione, avevo letto in qualche sito che si possono anche inserire buoni per qualche gita speciale con la mamma o per del quality time con uno dei genitori, ma per la mia piccola ancora fa più effetto un “qui e ora” materiale, piuttosto che l’attesa di un evento.

fullsizerender-1

Ecco la mia raccolta di quest’anno, se avete suggerimenti, sono tutta orecchi per prendere spunto per il prossimo!

Certo dopo tutto questo lavoro bisogna ricordarsi di mettere i pensierini nella casellina corrispondente, la sera prima quando i nani dormono e non fare i salti mortali di corsa al mattino per non farsi beccare…come faccio io quotidianamente 😉 Elfo ritardatario 😀

Annunci